HOME Associazione Informazioni Contatti
header MotoForPeace
Sostieni Missioni Convenzioni
youtube
diario di bordo
Dino Lepore

Il Diario di Bordo è scritto dal Capo Spedizione e Presidente di MotoForPeace Dino Lepore

America Live
FOTO MISSIONE 2016
motociclisti MotoForPeace
Protagonisti Missione Bolivia Honduras 2016
AMERICHE 2016 Diario di Bordo 13 aprile 2016

Abbiamo deciso di recuperare un po’ del sonno perduto e ci svegliamo alle 8. Siamo molto stanchi e la notte sul duro pavimento ha contribuito; forse non abbiamo più l’età...

 

 

I pompieri di Waring ci organizzano una colazione in perfetto stile americano e noi contraccambiamo con il nostro super “espresso”.

 

 

Iniziamo a contattare varie assicurazioni per stipulare le nostre polizze, ma abbiamo tutte risposte negative: non si assicurano mezzi europei. È incredibile la differenza tra quello che puoi leggere dai vari siti internet, compresi quelli ufficiali, e la realtà che poi trovi sul territorio. Viene a salutarci lo sceriffo della Contea a cui chiediamo subito info sull’annoso problema: ci risponde che secondo lui l’assicurazione non è obbligatoria e che possiamo viaggiare tranquillamente; ovvio che in caso di sinistro saremmo noi a pagare direttamente il danno, e su questo non vi è alcun dubbio.

 

 

Lo sceriffo ci accompagna fino alla freeway e facciamo rotta su New Orleans con la remota speranza di arrivare per la notte. Stabiliamo tappe di circa 200 km, rifornimento, caffè e si riparte. Superiamo Houston senza rimanere incartati nel traffico impazzito che tutti ci avevano preannunciato, forse siamo stati fortunati con l’orario. Le autostrade sono molto comode, scorrevoli e sicure, a parte i molti automobilisti che tagliano la nostra colonna da destra a sinistra e viceversa senza preoccuparsi delle eventuali conseguenze. Rimanere sulla stessa corsia tutti insieme non è sempre possibile - le numerose uscite autostradali e la lunghezza del nostro corteo ce lo impediscono -, ma procediamo sempre molto al di sotto della velocità massima e questo ci da la possibilità di recuperare sempre chi rimane indietro. I controlli della polizia sono ovunque, tutti i mezzi dei nostri colleghi americani sono dotati di laser e lungo la strada vediamo molte autovetture fermate e multate dagli operatori. Qui è praticamente impossibile correre oltre i limiti e farla franca; l’occhio vigile e attendo della polizia è ovunque: si materializza all’improvviso e le contestazioni sono immediate. In Italia sappiamo che è molto diverso, il controllo è lasciato “all’occhio” delle telecamere e le contestazioni sono difficilmente tempestive, sicuramente il nostro sistema di repressione è più morbido.

 

 

Percorriamo circa 600 km prima di arrenderci. Andare avanti sarebbe troppo rischioso: non siamo riusciti a smaltire tutta la stanchezza accumulata e preferiamo riposare. Ci troviamo a Selphur, una piccola cittadina a metà strada tra Houston e New Orleans ed è qui che passeremo la notte. Riusciamo a trovare un buon albergo a circa 20 $ per persona (dopo una trattativa durata unna ora), sistemazione in quadruple, andrà benissimo. Nel parcheggio dell’hotel Gino riesce a fare un buon piatto di pasta che dopo una giornata così è la giusta ricompensa. Grazie Gino!

MotoForPeace Texas 2016

MotoForPeace in Texas: vedi le foto di viaggio del 13 Aprile 2016

di Barbara Beltramello

Sostieni le Missioni di MotoForPeace
Galleria Foto Missione 2016

VIDEO MISSIONE 2016

Donazioni

Convenzioni

5 x mille

ROME

WORLD CLOCK

LONDON

NEW YORK

PANAMA

MotoForPeace ONLUS - c/o 1' Reparto Mobile della Polizia di Stato Via Portuense, n. 1680 - 00148 - ROMA E-mail info@motoforpeace.it Meteo da satellite real time

MotoForPeace ha scelto Agapeunoteam per la realizzazione di questo sito

Copyright © 2013-2017 MotoForPeace
french translation spanish translation USA

Privacy Policy

Agapeuno Advertising Rome Italy Webmaster Roma