HOME Associazione Donazioni Info Convenzioni Contatti
STATUTO ASSOCIAZIONE MOTOFORPEACE - O.N.L.U.S. ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA' SOCIALE

Art. 1 DURATA

L'Associazione MOTO FOR PEACE - O.N.L.U.S. - Organizzazione non lucrativa di utilità sociale - ha durata illimitata.

 

Art. 2 USO LOCUZIONE ONLUS

La locuzione “organizzazione non lucrativa di utilità sociale" o l’acronimo “Onlus" dovrà essere usato, nella denominazione e in qualsivoglia segno distintivo o comunicazione rivolta al pubblico.

 

Art. 3 SEDE

L'Associazione ha sede in Roma, Via Portuense 1680 cap. 00148 – ROMA. Il Consiglio Direttivo può, all'occorrenza procederà all'istituzione di sedi secondarie in Italia e all'estero.

 

Art. 4 SCOPO

L'Associazione ha come esclusivo motivo di esistenza il perseguimento di finalità e di solidarietà sociale.

I suoi principali scopi sono i seguenti:

Perseguire esclusivamente finalità di solidarietà sociale e di promozione dei diritti, della salute e del benessere psico-fisico di persone svantaggiate e delle comunità di appartenenza.

Realizzare operazioni con fini umanitari. Tutte le azioni organizzate dall’Associazione sono rivolte a paesi colpiti da conflitti armati e disastri naturali.

In particolare ha come obiettivo:

realizzare iniziative umanitarie al fine di apportare un aiuto rapido ed efficace alle persone in stato di bisogno, vittime di catastrofi naturali o di conflitti armati;

impegnarsi a favore dei diritti delle vittime in nome del diritto inalienabile della singola persona;

fornire un aiuto umanitario in modo imparziale, neutro e incondizionato alle persone più deboli: le mamme, i bambini, gli anziani, i poveri e gli invalidi;

promuovere e sostenere iniziative e programmi di cooperazione e di solidarietà internazionale con le popolazioni dei paesi in via di sviluppo, anche attraverso lavoro di rete con altre realtà del Terzo Settore;

rendere testimonianza, attraverso l'attuazione ed il racconto di attività concrete, ai popoli bisognosi, vittime della violenza economica e politica.

Tra le attività associative e annesse agli scopi principali l'associazione intende:

organizzare manifestazioni per la raccolta fondi utili al perseguimento di finalità umanitarie ed in particolare  manifestazioni motociclistiche, banchetti, concerti, fiere.

Al fine di perseguire i propri scopi sociali l 'Associazione si propone di collaborare con Enti locali e aziende pubbliche e o private italiane ed estere, regioni, province e comuni, Università, istituti di pena, istituti religiosi. L'Associazione può assumere tutte le iniziative e svolgere le attività ivi compresa la stipulazione di accordi di collaborazione con organizzazioni italiane ed estere ovvero la promozione e la partecipazione ad altre associazioni e fondazioni, che siano giudicate necessarie od utili per il conseguimento delle proprie finalità.

E' fatto divieto di svolgere attività diverse da quelle previste dal presente articolo ad eccezione di quelle ad esso direttamente annesso.

 

Art. 5 SOCI

Gli associati sono le persone fisiche o giuridiche che condividono le finalità dell'Associazione. Gli associati versano all'Associazione dal momento in cui entrano a fame parte, un contributo annuo nella misura e nelle modalità che verranno stabilite dall'assemblea. I contributi devono essere versati entro il 31 dicembre di ciascun anno. Sono soci coloro i quali hanno partecipato all’ atto costitutivo dell’Associazione (Fondatori) e coloro i quali, avendone i requisiti, previa domanda al consiglio Direttivo dell'Associazione, siano ammessi come tali dal medesimo, a suo insindacabile giudizio. Tra gli associati  vige una disciplina uniforme del rapporto associativo e delle modalità associative. E’ espressamente  esclusa la temporaneità della partecipazione alla vita associativa.

 

Art. 6 - PATRIMONIO

Il patrimonio dell'Associazione è costituito dalle quote dei soci, dai contributi delle Amministrazioni pubbliche statali, regionali, provinciali, comunali e di ogni altro Ente e da ogni altra elargizione volontaria, comprese donazioni e lasciti di beni mobili ed immobili. La quota o il contributo associativo è intrasmissibile.

 

Art. 7 - RENDICONTO ANNUALE

Relativamente all'attività complessivamente svolta, dovrà essere obbligatoriamente redatto un rendiconto annuale supportato dalle opportune registrazioni contabili cronologiche, in modo da conferire trasparenza a tutte le operazioni poste in essere relativamente a ciascun periodo della gestione. Il consiglio direttivo entro il mese di Marzo redigerà la bozza del rendiconto annuale relativo all'esercizio precedente dal quale devono risultare i beni, i contributi ed i lasciti ricevuti.

Tale rendiconto sarà approvato dall'Assemblea degli associati entro il mese di Aprile, con le maggioranze richieste per l'approvazione delle delibere da parte dell’Assemblea stessa.

 

Art. 8 - AVANZI DI GESTIONE

Gli utili o gli avanzi di gestione devono essere impiegati per la realizzazione delle attività istituzionali di quelle a esse direttamente connesse, E' fatto espresso divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili e avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'Associazione a meno che la destinazione e la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di altre Onlus che per legge, statuto o regolamento fanno parte della medesima struttura.

 

Art. 9 - ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE

Gli organi dell'Associazione sono:

a) l'Assemblea dei soci;

b) il Consiglio Direttivo.

 

Art. 10 - CARICHE ELETTIVE

Le cariche elettive dell'Associazione non sono retribuite e sono riservate a i soci in regola con I'iscrizione. Per tutti gli associati o partecipanti maggiori di età è previsto il diritto di voto per l'approvazione e le modificazioni dello Statuto e dei regolamenti per la nomina degli organi direttivi dell’associazione.

 

Art. 11- ASSEMBLEA DEI SOCI

L'Assemblea dei soci può essere ordinaria e straordinaria ed è aperta a tutti i soci.

L'Assemblea ordinaria:

deve essere convocata entro il 30 aprile dell’anno successivo;

è valida se vi partecipa almeno la metà dei soci più uno prima convocazione e da qualunque sia il numero degli intervenuti in seconda convocazione:

delibera sulla relazione del Presidente;

delibera sulla relazione finanziaria del Consiglio Direttivo;

delibera sul rendiconto annuale dell'esercizio finanziario concluso e, se predisposto, sul bilancio preventivo dell'anno successivo;

delibera su qualsiasi argomento di sua competenza posto all’ordine del giorno;

conferisce, a mezzo del voto, le cariche sociali.

L'Assemblea straordinaria:

viene convocata ogni qualvolta il consiglio Direttivo lo ritenga necessario o quando almeno un quinto dei soci ne faccia motivata richiesta scritta. In tal caso l'assemblea deve avere luogo entro 20 giorni dalla data della richiesta;

è valida se ad essa partecipano almeno due terzi dei soci ordinari in prima convocazione e da qualunque sia il numero degli intervenuti in seconda convocazione; può apportare modifiche allo Statuto ed al Regolamento; delibera sullo scioglimento e sulla liquidazione dell'Associazione e su qualsiasi altra materia di sua competenza.

Hanno diritto di voto per l'approvazione del bilancio e le modificazioni dello Statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell'Associazione tutti gli associati che siano persone fisiche maggiori d'età o persone giuridiche.

Nelle assemblee è ammesso il voto per delega: ogni rappresentante non può avere più di una delega.

La convocazione è fatta a cura del Presidente o di chi ne fa le veci, mediante lettera spedita al domicilio dei soci almeno otto giorni prima della data della riunione o tramite e-mail, e dovrà specificare la data, l'ordine del giorno, il luogo e l’ora sia della prima che della seconda convocazione.

Le deliberazioni sono prese a maggioranza dei votanti presenti o rappresentati.

 

Art. 12 - CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo:

si compone di un minimo di 2 ad un massimo di 9 membri, eletti dall’assemblea dei soci e dura in carica tre anni ed i suoi componenti sono rieleggibili;

redige i programmi del’attività sociale previsti dallo statuto; attua le deliberazioni dell’assemblea;

elegge: il Presidente, il Vice-Presidente, ed eventualmente il Tesoriere ed il Segretario ed attribuisce altri incarichi che si rendano necessari per lo svolgimento delle attività sociali;

si riunisce, su convocazione del Presidente o su richiesta di suoi componenti, almeno una volta ogni tre mesi e comunque ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario; le riunioni del  Consiglio sono valide se vi partecipano almeno la metà più uno dei suoi membri; delibera a semplice maggioranza; in caso di parità prevale il voto del Presidente;

decide autonomamente in ordine ai provvedimenti straordinari da sottoporre poi all’approvazione della prima assemblea successiva; amministra i beni dell'Associazione e delibera le spese di ordinaria amministrazione nella misura che verrà fissata dal Regolamento;

redige ogni anno una relazione sull’attività dell’Associazione e sulle iniziative da attivare l’anno successivo e stabilisce la quota sociale;

formula il Regolamento interno da sottoporre all’approvazione dell'Assemblea; si avvale, qualora lo ritenga opportuno, della collaborazione di esperti, anche non soci dell'associazione.

Il Presidente:

ha la legale rappresentanza dell'Associazione;

presiede il Consiglio Direttivo;

vigila perché siano osservatele norme statutarie; provvede a dare esecuzione alle delibere del Consiglio Direttivo. Al Presidente viene dato l'incarico di aprire un conto corrente bancario intestato all'associazione su cui può opere con firma disgiunta effettuando operazioni bancarie attive e passive. Resta ferma la facoltà di delegare, occasionalmente o permanentemente, alla firma di determinate operazioni, altri membri del Consiglio Direttivo.

Il Vice - Presidente:

sostituisce il Presidente, in caso di assenza o di impedimento del medesimo.

Il Segretario:

se nominato, redige i verbali delle sedute del Consiglio Direttivo e collabora alle attività amministrative ed organizzative del Presidente.

Il Tesoriere:

se nominato: cura la tenuta dei libri contabili e dei registri dell'Associazione, nonché la riscossione delle quote sociali e l'amministrazione dei fondi dell'Associazione secondo le norme del regolamento.

 

Art 13 – RECESSO E DECADENZA DEGLI ASSOCIATI

Il recesso da socio e da qualsiasi carica sociale deve essere comunicato con lettera diretta al Consiglio Direttivo, il quale, dopo esame ne comunicherà l'esito; esse hanno decorrenza dal giorno dell'accettazione della quale sarà data comunicazione per lettera.

Si decade dalla qualifica di socio: quando lo stesso svolga attività contrarie alle finalità statutarie, ovvero per indegnità o per il mancato versamento delle quote sociali. Sulla decadenza decide il Consiglio Direttivo.

 

Art. 14 - SCIOGLIMENTO DELL'ASSOCIAZIONE

In caso di scioglimento dell'Associazione, l'Assemblea delibererà in merito alla destinazione del patrimonio residuo, dedotte le passività e nominerà un liquidatore al quale verranno attribuiti i poteri necessari. In ogni caso, il patrimonio dell'Associazione potrà essere devoluto unicamente ad altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità, sentito l'organismo di controllo di cui all'art. 3 comma 190, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, e salvo diversa destinazione imposta dalla Legge.

 

Art. 15 - RINVIO

Per tutto quanto non previsto, si applicano le disposizioni di Legge in materia.

 

 

 

Roma, 5 Ottobre 2009

Sostieni le Missioni di MotoForPeace

Donazioni

Convenzioni

5 x mille

ROME

WORLD CLOCK

LONDON

NEW YORK

PANAMA

Meteo da satellite real time MotoForPeace ONLUS - c/o 1' Reparto Mobile della Polizia di Stato Via Portuense, n. 1680 - 00148 - ROMA E-mail info@motoforpeace.it
french translation spanish translation USA translation

MotoForPeace ha scelto Agapeunoteam per la realizzazione di questo sito

Webmaster Roma Agapeuno Advertising Rome